VOLO IN ELICOTTERO SULLE ALPI SVIZZERE - Cosa vedere

St. Moritz

St. Moritz

Matterhorn

Matterhorn

null
 

VOLO IN ELICOTTERO SULLE ALPI SVIZZERE - CODICE ISPIRAZIONE DI VIAGGIO: VC4CHS373

Il ghiacciaio del Morteratsch è il più grande ghiacciaio del massiccio del Bernina in Svizzera ed il più lungo delle Alpi orientali. Il sentiero del ghiacciaio del Morteratsch, lungo il tragitto vi farà conoscere la sua misteriosa storia e sul suo graduale ritiro negli anni, grazie ai 16 pannelli informativi. Avvicinarsi a un ghiacciaio, toccarlo e camminarci sopra è davvero facile, qui potrete ammirare il bianchissimo lago di ghiaccio e l’enorme lingua del ghiacciaio.

 

Il Piz Palü, che in latino vuol dire palude, è una montagna nelle Alpi Retiche occidentali nel Canton Grigioni, situate tra Svizzera e Italia. Formata da tre cime, quella centrale Muot dal Palü, alta 3901 metri, quella orientale Piz Palü Orientale, alta 3.882 metri e quella occidentale Piz Spinas, alta 3.823 metri. Ai piedi del Piz Palü si trova il lago Palü e attinge l'acqua dall'omonimo ghiacciaio. Il Pizzo Palù osservato da sud è un largo crestone che si eleva di poco sopra il Ghiacciaio di Fellaria Est, mentre, da nord è imponente e maestoso. L’ascensione per la via normale italiana è interamente su ghiaccio, abbastanza facile ma presenta numerosi crepacci lungo il pendio sudest che precede il Passo di Sasso Rosso.

 

Il Piz Roseg è una montagna isolata del Massiccio del Bernina, che che domina la Val Roseg nel cantone svizzero dei Grigioni. Presenta due vertici sulla sua cresta principale, quello sud-est è il più alto, 3.937 metri, mentre quello nord-occidentale, noto come Schneekuppe è alto 3.920 metri. A oriente, tra il Piz Roseg e il Piz Scerscen, si trova la Porta da Roseg a 3.522 metri. Il confine tra Italia e Svizzera passa proprio dalla Porta da Roseg. Lungo la via che conduce dallo spigolo tra la cima principale e la Porta da Roseg si passa per una parte superiore sul crinale est-nord-est, chiamato Roseg Pitschen, 3.868 metri.

Dal Piz Roseg partono tre ghiacciai: il ghiacciaio Tschierva a nord, il Vadret da la Sella/ghiacciaio Roseg a occidente ed il Vadret di Scerscen a sudest. Per l’ascensione vi sono due itinerari, la Via normale, è quella più lunga ed impegnativa per ghiacciai e ripidi pendii; la Eselgrat è molto frequentata e comoda per i pendii poco ripidi; la Parete nord è la più famosa e apprezzata per il classico itinerario Diemberger-Schonthaler; infine il Versante sud, con l’itinerario di salita Canalone Marinelli, ed uno lungo in roccia.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK